Via Aiello Cesinali, Avellino 83020

Il Marketing Ecosystems! Cos’è e a cosa serve

Il Marketing Ecosystems è il processo per posizionare l’idea, il messaggio o il prodotto negli ecosistemi giusti per ottenere visibilità, coinvolgere le prospettive, attirare l’attenzione e creare clienti. È il processo di scoperta, analisi, comprensione e adozione di azioni di marketing in quattro ecosistemi distinti ma interconnessi:

  • Azienda
  • Concorrente
  • Categoria
  • Cliente

Se fatto bene, l’ecosistema di marketing offre i seguenti vantaggi:

  • Accelera il tempo di commercializzazione / valore
  • Posiziona l’azienda in modo efficace rispetto ai suoi concorrenti
  • Migliora l’efficienza delle campagne di marketing
  • Migliora la visibilità e la consapevolezza con le principali parti interessate
  • Aiuta a stabilire una leadership di categoria

 

I Marketing Ecosystems stanno creando nuove opportunità professionali e stanno generando nuove richieste.

Ecco come si adattano i leader del marketing di oggi!

I marketer non sono estranei alla gestione di relazioni e campagne complesse. Ma mentre gli ecosistemi digitali (di venditori, piattaforme, agenzie, aziende, ecc.) Si espandono e le linee tra i settori si confondono, i professionisti del marketing stanno ripensando a come creare valore e ridefinire i propri ruoli. Un grande esperto nel mondo del digital, sa che i leader di marketing possono far funzionare gli ecosistemi per loro conto e per proprio interesse personale.

Il termine “Marketing Ecosystems” è recentemente decollato nel mondo digitale.marketing ecosystem

Come si definisce?

Per il cliente, sono le società mediatiche intermedie tra loro e le aziende che vogliono entrare in contatto con loro. Per gli operatori di marketing, solitamente sono le agenzie o i servizi a contratto che fanno l’intermediazione. Quello che è successo nel mondo digitale – dove non c’erano catene di approvvigionamento consolidate – sono centinaia o migliaia di società intermedie che le stanno intermediando.

Per gli editori, le cose si sono sempre più consolidate. C’era un primo Web in cui chiunque poteva pubblicare banner e avere successo. Quindi il passaggio al mobile è stato un cambiamento piuttosto drammatico. Ma Facebook, LinkedIn e alla fine altri lo hanno navigato. Ma anche quando guardi il traffico o il tempo speso per le app mobili, è davvero consolidante, e i grandi giocatori stanno diventando sempre più grandi. Quindi quella parte dell’ecosistema è veramente darwiniana, in quanto i vincitori sono in cima alla catena alimentareD’altra parte, devi anche lavorare con i piccoli giocatori, perché si stanno innovando velocemente. Quindi sarebbe corretto combinare i due. Per fare ciò, bisogna fare tre cose. In primo luogo, devi avere qualcuno responsabile della tecnologia. In secondo luogo, e questo dipende dal fatto che sia B2B o B2C – devi avere una qualche forma di gruppo di operazioni, perché ci sono così tanti sistemi da eseguire. Potrebbe essere in IT, ma se è così, è meglio avere un partner molto vicino.

La Creatività e i contenuti

La terza parte è la creatività e io sono un grande fan di creatività interna e, sebbene non funzioni con il modello di agenzia, un mix di capacità creative esterne e interne può davvero portare a scoperte.

Se hai intenzione di produrre un prodotto unico che porta l’essenza del tuo marchio e comprende il tuo consumatore, devi effettivamente costruire la tua fabbrica di contenuti. Una volta che hai la possibilità di creare diversi tipi di contenuti, li stai guardando, lo stai ottimizzando e lo cambierai più velocemente di quanto tu possa cambiare prodotto. In realtà porterà a conoscenza dei clienti e sviluppo del prodotto futuro.

Meglio un ufficio interno o affidarsi ad una Web Agency?

Ma mi chiedo, se ci sia un vantaggio strategico nell’avere creatività in-house. Molti giocatori trovano efficace avere un piccolo team interno che lavora su una parte di business, ma trovano difficile ottenere grandi mosse strategiche creative dal proprio team interno. Perchè?

Se si guardano i precursori, hanno tutti guidato la propria creatività nei propri programmi di marketing e stavano vincendo in quel modo, almeno all’inizio. Una volta diventati davvero grandi, forse quello è cambiato. Ma in quasi tutti i casi, avevano una tecnologia interna e una creatività interna nei loro programmi di marketing. Ma almeno fino a quando non si è veramente strutturati ogni attività, impresa piccola o media che sia, ha bisogno di un supporto professionale e qualificato.

Che aspetto ha questa agenzia del futuro?

Ho capito che nessuno ha intenzione, tu non hai intenzione di fare affari con una società che è essenzialmente una banca mercantile. In realtà vuoi che le persone corrano dei rischi con te, per rimanere con te per il lungo periodo. Negli anni ’60 e ’70, quando abbiamo visto alcune delle prime agenzie di servizi completi crescere, erano molto allineate con quel modo di pensare ma non abbastanza con l’evoluzione di adesso.

Conclusione

Una visione d’insieme del marketing ecosystem ci consente di vedere i primi segnali che gli approcci di marketing tradizionali possono mancare del tutto, fino a quando non è troppo tardi. 

Avatar for Francesco Greco

Sono Web Developer & Digital Strategist. Mi occupo di sviluppo web dal 2014 e sono specializzato nella realizzazione e gestione di Campagne di Advertising.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.