Via Aiello Cesinali, Avellino 83020

Covid-19: suggerimenti per sfruttare al meglio il digital marketing

La recessione, le restrizioni per molti settori aziendali, le famiglie in quarantena. In questi giorni di emergenza Coronavirus se ne sentono molte, soprattutto nel settore economico, oltre che in quello sanitario.  Per non bloccare la propria produzione, molte aziende hanno dovuto modificare il loro modello operativo per far fronte alle esigenze dei consumatori. 

Al fine di valutare l’impatto e le conseguenze del COVID-19, Neil Patel, attraverso una ricerca, ha dimostrato come il cambiamento drastico induca le persone a rivedere il loro modo di affrontare le abitudini quotidiane, influenzando settori importanti del mercato. Ad aver avuto un impatto positivo, come auspicabile, è soprattutto il settore del food online, salute e i media. Impatto negativo lo hanno avuto il settore primario, trasporti, viaggi ma soprattutto l’advertising e il Digital marketing. Alcuni settori, dunque, sono cresciuti, grazie al drastico cambiamento della quotidianità. Altri, invece, hanno subito un calo, dovuto alle restrizioni dell’emergenza sanitaria.

Come gestire la strategia digital nei momenti di emergenza

digital-strategyLe aziende, in genere, agiscono online secondo due principali leve: il content marketing e l’advertising.

L’advertising, che sia online o offline, è il motore che “fa camminare” le aziende: rappresenta il loro modo di mostrarsi agli occhi del consumatore. Dunque, un motore può essere fermato? Come ci si deve comportare nei confronti di questa emergenza?

Pubblicità vuol dire sia investimento economico e sia investimento di tempo. Pubblicità è un punto di vista, un passaparola, un’informazione, un’immagine. Proprio su questo occorre una riflessione: dedicare più tempo al marketing dei contenuti (articoli, ebook, post sui social media, infografiche ecc.) o più denaro per maggior visibilità? 

Tanti sono gli interrogativi che si stanno ponendo gli imprenditori in questo periodo e proprio attraverso questo articolo vogliamo almeno limitare i dubbi e dare qualche consiglio su come pianificare una strategia di digital marketing

Una premessa è importante: “Dobbiamo essere come dei geni dormienti che stanno sognando qualcosa di straordinario per il futuro (non lontano)”.

Ovviamente ciò non vuol dire fermarsi, ma investire in modo accurato per preparare qualcosa di grande quando arriverà il momento opportuno per poterlo fare.

3 fattori da considerare per la tua strategia di digital marketing

Ecco tre fattori di cui tenere conto per la tua strategia di digital marketing

1) Lavora sui tuoi clienti

Lavora sui tuoi clienti proponendo servizi innovativi al fine di essere presente anche in questo periodo di emergenza. È il momento di testare, anche ciò che non avresti mai pensato di poter fare. Mostrati in modo alternativo ai tuoi clienti. Potresti farlo attraverso:

  • Marketing automation, remarketing ed email marketing;
  • Gestione social media;
  • Blog

Marketing automation, remarketing ed email marketing

L’automazione e il remarketing sono attività low cost e quindi, in questo momento, l’investimento diventa più accessibile. Inoltre sono persone che almeno una volta già ci hanno visto, già ci conoscono, hanno già interagito con noi. L’email marketing è uno degli strumenti più efficaci e a basso costo per restare nel cuore dei tuoi clienti, questo perché: personalizzi il messaggio, puoi realizzare contenuti informativi e costruttivi e, soprattutto, fai capire che si sei, nonostante le difficoltà. Cosa molto importante: non realizzare contenuti troppo “aggressivi” dal punto di vista commerciale, il tuo cliente, giustamente, in questo momento potrebbe essere distratto da altro.

Gestione dei social per essere ancora più visibili

Rivedi il tuo calendario editoriale per i contenuti organici su Facebook. Chi ti segue vuole continuare a vedere che ci sei, ed ecco perché è importante rivedere il tuo calendario pubblicando argomenti d’interesse per il momento, ovviamente senza esagerare, anche 1 post al giorno può essere sufficiente. Il tuo brand continuerà ad essere visto, sonderai il terreno per nuovi utenti e a quel punto, quando sarà il momento opportuno, potrai iniziare a investire anche di più su un terreno già seminato.

Blog

Sembra superfluo dirlo, ormai quasi tutti i siti hanno un blog. Approfittane per aggiornarlo con contenuti inerenti al momento, ai trends e alle esigenze delle persone. Di tanto in tanto, puoi lavorare anche su qualche keyword che oggi ha un trend negativo, magari un domani potresti risultare il primo qualora si ribalti tutto. 

2) Rendi visibile il tuo brand

Aggiorna i contenuti del tuo sito web, sfrutta anche quelli un po’ più datati perché magari in questo momento potrebbero risultare utili:

  • Punta sulla qualità dei contenuti per ottenere condivisioni e interazioni, sia dai social che dal tuo sito web. 
  • Abbassa gli investimenti economici per i contenuti che hanno un minor impatto dal punto di vista di percezione del valore (ad esempio un contenuto troppo commerciale). 

Con queste strategie ridurrai il valore economico degli investimenti e migliorerai la tua reputazione nei confronti di chi ti cerca e di chi già ti conosce. 

Dovrai dedicare più tempo a queste attività, a fronte di un minore investimento di denaro. Nel lungo periodo la tua reputazione migliorerà senz’altro. In questo modo saranno gli altri a parlare di te, “conta di più ciò che dicono gli altri di te e non cosa dici di te stesso”.

3) Analizza e testa, oltre il ROI

È una regola vera e propria, che non deve acquisire importanza solo ora, in quanto testare, analizzare e monitorare i risultati consente di correggere eventuali errori, capire cosa si aspettano le persone e riscontrare un possibile gap tra i tuoi tra il risultato ottenuto e il risultato atteso. Il tutto oltre il ROI. Infatti è importante misurarlo ma non basta, esso va migliorato e per migliorarlo occorre valutare nel dettaglio il comportamento degli utenti. Cosa facciamo realmente per migliorare i nostri risultati? Sto agendo in base a ciò che mi dicono i risultati oppure considero sempre e solo i miei obiettivi iniziali? A volte i numeri possono dirci l’opposto di ciò che avevamo pianificato. Quindi: testare, analizzare e misurare.

Sii presente con il tuo brand, sempre e comunque

Ovviamente quest’articolo ha lo scopo di darti qualche suggerimento su come provare a ottimizzare gli investimenti in questi momenti di emergenza e non solo. Non esistono delle regole precise per avere successo, ma è importante essere presente con il tuo brand. Le persone non si ricorderanno di te se non sei costantemente presente. Sii sempre visibile, rafforza la tua presenza con qualità e valore. Se sei lontano dagli occhi, lo sarai anche dal cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.